Il palazzo incantato (Montale Pistoiese)

Registrati per inserire questo documento nella tua sala


Titolo: Il palazzo incantato (Montale Pistoiese)
Autore:
Antonio Marinoni
Anno:
2011
Tecnica di realizzazione:
inchiostro di china diluito e un po’ di acquerello

Riflessioni

Molto spesso i protagonisti della letteratura per l’infanzia rimandano agli eroi e alle eroine delle fiabe; e viceversa. In questo caso il principe Fiordinando, proprio come Alice col Bianconiglio, seguendo una lepre trova in un castello incantato il proprio paese delle meraviglie. Ma qui non siamo in un sogno: le trame del fiabesco richiedono che ogni tessera ritorni al proprio posto e che tutte le prove siano superate, prima di condurre al lieto fine.

Il principe curioso non ha saputo resistere alla tentazione di conoscere la “sposa segreta” senza aspettare il momento opportuno, ed è stato punito. Le fiabe, infatti, retaggio di antichi rituali iniziatici, esigono che la trasgressione debba essere riparata: un principe destinato a regnare non può permettersi avventatezze e la pena è quella di una sosta forzata per acquisirne coscienza.

Il protagonista della fiaba, dunque, non solo deve compiere un lungo viaggio per ritrovare la propria sposa, ma anche attendere il tempo necessario per poterla conquistare definitivamente. E per farlo deve passare attraverso un sonno incantato; un sonno in grado di trasformare l’attesa in trionfo.

Anche se può apparire strano, nelle fiabe non si trovano solo belle addormentate: quella del principe dormiente è una presenza ricorrente, ma una presenza che scivola discretamente nella trama; una presenza spesso sussurrata, accennata, ma mai proclamata a piena voce o urlata.

E così, a ben guardare, spesso si trovano principi e cavalieri che, per conquistare pienamente la propria felicità e il proprio regno, si trovano a dormire un lungo sonno prima di essere risvegliati dall’intervento di una fanciulla.

Rimandi:

–       Apuleio, Amore e Psiche, Palermo, Sellerio Editore

–       Ben Jelloun Tahar, La bella addormentata. Una fiaba d’autore per parlare di razzismo ai nostri figli, Milano, Fabbri

–       Carroll Lewis, Alice nel paese delle meraviglie, Milano, Fabbri

–       Rushdie Salman, Luka e il fuoco della vita, Milano, Mondadori

Associazioni incongrue (per riferimenti e stile)

Per continuare a riflettere su questa fiaba, si consiglia la visione dei seguenti film animati di Michel Ocelot:

–       La princesse insensibile, cortometraggio, 1986

–       Principi e principesse, film a episodi, 1999

–       Azur e Asmar, lungometraggio, 2006