Tra emancipazione femminile e innovazione nella scuola dell’infanzia

Vi è un fil rouge che unisce l’esperienza pedagogica di due donne,  Ernesta Galletti Stoppa (1850-1939) e Maria Montessori (1870-1952), pur così diverse e imparagonabili tra loro, soprattutto in termini di notorietà: entrambe risposero alle sfide del loro tempo, avviando la sperimentazione di nuove forme e tipologie didattiche rivolte all’infanzia,  decisamente alternative rispetto alle pratiche educative correnti.

Approfondisci

Accedi al percorso dedicato a Stoppa oppure al percorso dedicato a Montessori.

Didascalie. Nell’immagine a sinistra: Ernesta Stoppa, fotografia reperita in Carte Stoppa- Manoscritti Fondo Antico presso la Biblioteca Comunale “F. Trisi”, Lugo. Nell’immagine a destra: Maria Montessori in una fotografia da adulta.

1 Commento to “Tra emancipazione femminile e innovazione nella scuola dell’infanzia”

  • Una bellissima sala, per ripercorrere la storia di due grandi donne che hanno lottato per risolvere le condizioni sociali del loro tempo.
    Attraverso il loro intervento c’è stata una svolta nel campo educativo: il bambino è protagonista del suo apprendimento grazie ai materiali e all’ambiente che lo circonda.